domenica , 22 Maggio 2022
Home / medicina / disidratazione

disidratazione

Questo argomento è trattato nelle lezioni per Scienze Infermieristiche e Corso OSS al link del modulo n. 8.

L’acqua è il maggior costituente del nostro corpo. In percentuale nei neonati è > l’80%, fino ad arrivare nella donna anziana magra < al 50% con grandi variazioni individuali sia per l’età che per la composizione corporea (tipo magro, normotipo, grasso).
Se volessimo definire l’ossigeno il primo alimento-elemento vitale, sicuramente l’acqua è al secondo posto, seguita dai costituenti della dieta: glicidi, protidi,  lipidi, sali minerali, vitamine, oligoelementi ecc.
A grandi linee il fabbisogno giornaliero raccomandato varia da 30 a 45 cc./Kg peso corporeo, cioè oltre 2 litri per un normale adulto, ma le situazioni particolari sono molteplici.

La disidratazione è lo squilibrio in senso negativo fra apporto e perdita di acqua ovvero da sequestro di acqua in settori anatomici definiti. L’iperidratazione è lo scompenso opposto.
La disidratazione si associa a perdita di elettroliti, essenzialmente sodio, potassio, magnesio, cloro con varia prevalenza, talora accompagnata da proteine.

Cause di disidratazione da:
(1) – deficit di apporto idrico:
digiuno volontario, indotto, obbligato,
ipoidratazione da varie cause anatomo-patologiche del tratto oro-digestivo: congenite, infiammatorie, traumatiche, neoplastiche, funzionali ecc.
apporto idrico inadeguato nei soggetti dipendenti da altri (neonati, anziani non autosufficienti, pazienti psichiatrici, iatrogeno da errata terapia medica (disidratazione in Ospedale!), da deficit di stimolo alla sete in vari casi, soprattutto geriatrici (l’anziano si scorda di bere) e psichiatrici;

(2) – perdita eccessiva di acqua:
vomito da molteplici cause mediche, chirurgiche, tossiche, psichiatriche, farmacologiche, volontarie nei disordini del comportamento alimentare ecc.
diarrea infettiva, da malassorbimento, allergica, da malattie infiammatorie croniche intestinali, da assunzione volontaria errata o iatrogena di lassativi, per sindrome da intestino corto post-chirurgico,
sudorazione profusa spesso in relazione all’ambiente (esterno, in casa, di lavoro, lungo viaggio in aereo con aria condizionata inadeguata), all’attività (di lavoro, hobby, sport nelle performance di resistenza, tipo maratona o sport estremi protratti) o da farmaci,
polipnea neurogena, metabolica o psichiatrica,
poliuria iatrogena (da diuretici) accidentale, o volontaria per diete sbilanciate nei disturbi della alimentazione, nel diabete mellito scompensato e spesso all’esordio clinico della malattia, nei/nelle body-builders in occasione di gare come doping, nelle attività protratte ad altitudini > ai 2.500 metri con polipnea associata,
insufficienza surrenalica acuta o crisi addisoniana,
diabete insipido da disfunzione dell’ormone anti-diuretico dell’ipofisi posteriore o vasopressina,
vaste piaghe da decubito,
ileostomia e fistole entero-cutanee ad alta portata,
ustioni
(con perdite di plasma);

(3) – da sequestro di acqua in settori anatomici (naturali o neoformati):
trasudati (acqua con elettroliti e scarse proteine) ed essudati (idem, ma con maggior quota proteica, spesso nelle infezioni) nella cavità addominale (ascite), nel cavo pleurico (versamento pleurico importante mono- o bi-laterale),
traumi: contusioni, schiacciamenti e compressioni comprendendo la crushing syndrome in cavità patologiche quali esito delll’insulto traumatico con perdita associata di plasma, emoglobina, proteine,
insufficienza cardiaca congestizia (edemi declivi ed ascite) e comunque nello
shock cardiogeno, neurogeno, ipovolemico non squisitamente emorragico,
occlusione intestinale meccanica (da interruzione anatomica del transito delle feci), vastissimo capitolo della patologia chirurgica,

diretta-addome-in-L.L.: occlusione intestinale da K-sigma in 88enne

occlusione intestinale funzionale o adinamica, da deficit della funzione peristaltica da farmaci (iatrogena), istamina, tossici, veleni, fino all’anafilassi, sindrome di Ogilvie (pseudo-ostruzione acuta del colon), trombosi venulo-capillare del distretto mesenterico superiore o del tronco della vena stessa,
riflessa da traumi midollari lombari da stupor o fratture (frequente causa di consulenza chirurgica nei reparti di Ortopedia).

La clinica, molto in generale, si deve valere come sempre dell’anamnesi, dell’età del Paziente e delle condizioni ambientali; spesso il buon senso e l’esperienza, non necessariamente del medico o dell’infermiere, sono in grado di evidenziare le problematiche alla base dei casi più semplici. Comunque abbiamo: cute grinzosa e lingua asciutta, tachicardia, ipotensione, letargismo o irrequietezza o indifferenza, ipotermia o ipertermia.

Talora invece la diagnosi può essere estremamente complessa, richiedendo acume clinico, apporto della tecnologia per immagini ed esami di laboratorio. Da qui la terapia causale (motivo della disidratazione) per lo più mediche, ma anche chirurgiche, come già visto, e sintomatiche di riequilibrio.

Spesso fondamentale il dato della pressione venosa centrale affidabile se è buona la funzionalità contrattile del cuore.

Controllate anche

OSS. Nuovo Corso 2020. Argomenti di Medicina. Modulo n. 3/nc

  OSS: Nuovo Corso 2020. Argomenti di Medicina, Dr. Stefano Graziani. Modulo n. 3/nc. 3) …

36 commenti

  1. Pingback: Steve Jobs: riflessioni. « daddydoctorgym.com

  2. Pingback: dieta del sondino naso-gastrico o diet tube « daddydoctorgym.com

  3. Pingback: port-a-cath: le complicanze « daddydoctorgym.com

  4. Pingback: energy drinks « daddydoctorgym.com

  5. Pingback: digiuno « daddydoctorgym.com

  6. Pingback: crampo muscolare « daddydoctorgym.com

  7. Pingback: urine « daddydoctorgym.com

  8. Pingback: sodiemia « daddydoctorgym.com

  9. Pingback: proteine totali « daddydoctorgym.com

  10. Pingback: esami nutrizionali – laboratorio « daddydoctorgym.com

  11. Pingback: emocromo o esame emocromocitometrico « daddydoctorgym.com

  12. Pingback: elettroforesi proteica « daddydoctorgym.com

  13. Pingback: creatinina « daddydoctorgym.com

  14. Pingback: azotemia « daddydoctorgym.com

  15. Pingback: creatina « daddydoctorgym.com

  16. Pingback: sudore « daddydoctorgym.com

  17. Pingback: acqua e bevande « daddydoctorgym.com

  18. Pingback: neoglucogenesi « daddydoctorgym.com

  19. Pingback: dieta iperproteica « daddydoctorgym.com

  20. Pingback: potassiemia « daddydoctorgym.com

  21. Pingback: è arrivata la primavera (20 marzo – 21 giugno 2012) « daddydoctorgym.com

  22. Pingback: Embolia polmonare: quadro angioTac « daddydoctorgym.com

  23. Pingback: magnesiemia « daddydoctorgym.com

  24. Pingback: Corso OSS, Medicina: Patologie fisiche (lezioni 1-7, modulo 1) « daddydoctorgym.com

  25. Pingback: Corso OSS DRForm, Medicina: Patologie fisiche (lezioni 8-13, modulo 2) « daddydoctorgym.com

  26. Pingback: Glossario: Integratori e Farmaci « daddydoctorgym.com

  27. Pingback: Iporessia nel Paziente neoplastico « daddydoctorgym.com

  28. Pingback: Anuria (blocco renale) – daddydoctorgym.com

  29. Pingback: Scienze Infermieristiche e Corso O.S.S. DierreForm. Patologie fisiche (lezioni 20-22), modulo 8 – daddydoctorgym.com

  30. Pingback: cloremia - daddydoctorgym.com

  31. Pingback: Scienze Infermieristiche e Corso OSS Dierreform: Neurologia lezioni n. 35 e 36, modulo 14 - daddydoctorgym.com

  32. Pingback: Scienze Infermieristiche e Corso OSS. Modulo n. 20, lezione n. 44: Virus - daddydoctorgym.com

  33. Pingback: Scienze Infermieristiche e Corso OSS DierreForm. Riassunto, cenni sulle lezioni: Batteri, Virus, Miceti.Modulo n. 23, lezione n. 47 - daddydoctorgym.com

  34. Pingback: Scienze Infermieristiche e Corso OSS DierreForm - Medicina: Patologie fisiche. Lezioni 26 e 27, modulo 8) - daddydoctorgym.com

  35. Pingback: Fondo FOR.TE: qualità nei servizi socio-sanitari. Programma di Medicina di Stefano Graziani. - daddydoctorgym.com

  36. Pingback: Scienze Infermieristiche e Corso OSS. Modulo n. 24, lezione n. 48 - daddydoctorgym.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.