lunedì , 23 aprile 2018
Home / biochimica / insulina

insulina

ormone prodotto dal pancreas che regola in primis il metabolismo del glucosio ed ha effetto anabolizzante. Rappresenta la chiave di ingresso di questo zucchero nelle cellule, insieme al potassio nei tessuti insulino-sensibili, che sono: fegato, tessuto adiposo e muscolo scheletrico a riposo quando sintetizza G.n. (glicogenosintesi). Cuore, reni, eritrociti e muscolo striato ipertrofico, ben allenato, non sono insulino-sensibili.

Il G. viene utilizzato subito come E. oppure viene immagazzinato nel fegato come G.n. o come grasso nel tessuto adiposo, dipendendo dal carico calorico e di alimento. Favorisce la formazione dell’NO ad azione vasodilatatoria stimolante l’attività del miocardio (contrattilità e lavoro) e di molti altri distretti; di converso provoca vasocostrizione per stimolazione delle catecolammine, blocco della vasodilatazione, e ritenzione del Na, con > della P.A. Favorisce inoltre la produzione di acido arachidonico a funzione negativa sull’organismo, nell’ambito degli eicosanoidi.
Stimola altresì la mitosi cellulare solo in condizioni di eccesso ormonale verosimilmente grazie all’innesco dei recettori IGF-1 (fonte: Eckardt K. et Coll. IGF-1 receptor signalling determines the mitogenic potency… Diabetologia 2007; 50(12)2534-43): da qui la potenziale azione onco-stimolante dell’insulino-resistenza.

Un > dell’insulina, cioè l’iperinsulinemia è propria dell’insulino-resistenza e quindi nel diabete mellito tipo 2 e pertanto nella sindrome metabolica, e negli apudomi, tumori a vario comportamento biologico insulino-secernenti a sede prevalentemente pancreatica. Un’iperinsulinemia si associa anche a blocco della produzione della leptina, prodotta dall’organo adiposo, uno degli ormoni regolatori la sazietà.

Vedi la relazione dell’insulina con il peptide C

Controllate anche

oligoelementi

“L’organismo appare come una specie di oligarchia nella quale enormi masse di elementi passivi sono …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: