venerdì , 24 Maggio 2019
Home / medicina / fumo

fumo

fumare sigarette, sigaro, tabacco da pipa: fa male e basta.fumo dipendenza

14 milioni i fumatori in Italia, le donne, 5 milioni, aumentano drammaticamente in modo costante e la loro mortalità/anno è di 6.100 casi, triplicati in 38 anni; inquietante anche il numero in ascesa così come i giovani, anche prima dei 14 anni.

Rx carcinoma polmonare sin. in pace-maker

Illuminante visitare il sito del Prof. Umberto Veronesi www.nosmokingbehappy.it per il rischio di cancro del polmone e di deficit progressivo della funzione respiratoria.

Importante ricordare anche che il non fumare raddoppia la possibilità di arrivare a 90 anni (fonte: Harvard Univ., Physicians Health Study).

Deleteri gli effetti biologici sull’organismo del fumatore, fermo restando che il fumo passivo è estremamente dannoso, soprattutto nelle categorie deboli (bambini, anziani, allergici, insufficienti respiratori, gravide ecc.), poiché non si fuma il tabacco, bensì si inspirano i derivati ancor più tossici provenienti dalla sua combustione ristagnanti nell’ambiente; fra l’altro < la produzione dei linfociti killer ed helper, nostri paladini immuno-competenti.

In Italia sono 10 – 15 mila le persone in terapia all’anno, soprattutto presso gli

Rx carcinoma polmonare dx con atelectasia

ambulatori dedicati dei Servizi ed UU.OO. di Oncologia, oltre ad altre sedi, (fonte: Domenico Enea, Responsabile Centro per il Policlinico senza fumo, Umberto I° di Roma) contro le circa 500 mila dell’Inghilterra dove incontri, terapie varie e farmaci, sono gratuiti. Colà, chi fuma, non viene sottoposto ad interventi cardio-chirurgici con la mutua!

Fra l’altro, e molto altro, produce cadmio, metallo pesante e veleno che ostacola l’utilizzo dello zinco presente anche nei pesci con habitat in zone con inquinamento, può < l’HDL e per quanto riguarda la nicotina ormai è noto che < la durata del sonno profondo (fonte: Univ. J. Hopkins, Sleep Disorders Center, Baltimora). Spesso l’arsenico si trova sulle foglie di tabacco.

Ed ancora, per tutti, ma soprattutto per noi maschietti, la nicotina alza il livello del fibrinogeno, proteine della coagulazione che si deposita, se in eccesso, sui globuli rossi, rendendo la loro membrana cellulare più rigida, con meno “compliance”, soprattutto nei distretti vascolari periferici capillari, con un flusso alterato per l’attrito e l'”ingombro”; si contrappone all’azione preziosa vasodilatatrice dell’ossido nitrico (NO), favorisce ancora vasospasmo ed alterazione dell’endotelio vasale, promuovendo fenomeni arteriosclerotici ostruttivi, il tutto con conseguenze in ogni distretto, anche in quello dei vasi del pene. E’ pertanto noto che una causa della disfunzione erettile sia da trovarsi nel fumo!

Il suo effetto pro-coagulante > il rischio coagulativo nelle donne in terapia estro-progestinica.

Controllate anche

Inquinamento e malattie

Società di oggi tra malattie e/o infermità dovute all’ambiente inquinato e al degrado. Articolo richiestomi …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: