sabato , 6 Marzo 2021
Home / fitness / riscaldamento

riscaldamento

Si va in palestra! Abbigliamento idoneo valutando la stagione, la temperatura degli ambienti a disposizione, magari con una tuta per le prime fasi, da togliere prima delle attività specifiche preparate con un idoneo riscaldamento (warm up: caldo-temperatura su).

In previsione dell’attività non si deve essere a digiuno avendo fatto, magari un’oretta prima, un pasto leggero misto ma carente di grassi;

enfant qui pisse: fontana di Bruxelles

una buona idratazione ci deve accompagnare durante tutto il workout: portiamoci sempre la bevanda scelta da voi o consigliata dal trainer, io ho la bevanda di daddy (!), spesso bastando la sola acqua per sedute routinarie.
Pipì fatta, mani pulite, asciugamano e diario o scheda tecnica con noi.

Si inizia l’attività aerobica: tapis roulant (treadmill) per walking o corsa (regalandoci così tanti positivi endocannabinoidi, anandamide soprattutto = euforia e gratificazione) (siamo nati per correre – born for run) con velocità < 10 Km/ora (anche con manubri leggeri), ciclette, skip (saltare con la corda), stepper o esercizi con pesetti da 500 gr. od 1 Kg e non più, veloci, ripetuti oppure alle macchine, ma sempre con minimo carico o potenza.
Attenzione e controllo sempre dell’attività respiratoria, ritmica ed ordinata secondo il ritmo dell’esercizio (vedi inspirazione ed espirazione con i loro risvolti fisiologici). Una leggera ed incipiente sudorazione può essere il segnale di un buon inizio di riscaldamento che si ottiene in un tempo variabile di 8 – 20 minuti: la fretta non è una buona compagna, anche in palestra.

Un buon riscaldamento consente:
> della frequenza cardiaca e degli atti respiratori,
della pressione arteriosa,
della velocità del flusso sanguigno in toto,
della temperatura corporea,
del metabolismo
così si preparano all’attività cuore e polmoni, sistema neuro-endocrino, muscoli,  tendini ed anche le articolazioni, per un > del liquido sinoviale intra-capsulare a funzione lubrificante, cioè anti-attrito, termo-disperdente ed attenuante i carichi, soprattutto assiali.
Il tutto si ottiene dando a disposizione ai vari organi ed apparati ossigeno ed i substrati rappresentati da glucosio e quindi acidi grassi, necessari per fornire l’energia richiesta dalle prestazioni, favorendo di converso lo smaltimento di CO2, acido lattico, acido piruvico, mio-cataboliti ed elettroliti.
Coordinazione motoria, consapevolezza della risposta personale all’attività in corso, delle variazioni della postura e del proprio corpo nello spazio,  timing del programma, umiltà nel farsi correggere, “pensieracci personali” via lontano, fanno da corollario a questa fase preziosa del fitness, troppo spesso trascurata od insufficiente, per il desiderio di iniziare “subito o  presto” la performance.
Occhio quindi al fattore “programmazione del workout”.

Una buona preparazione all’esercizio fisico ed all’adattamento cardio-respiratorio che ne consegue, sono le condizioni per instaurare una efficiente attività motoria con adeguata performance evitando infortuni, ed ottenere infine un soddisfacente ed appropriato allenamento specifico.

Controllate anche

Dr. Antonio Falconio: il contributo del Medico dello Sport

La relazione del Collega è nella introduzione della Categoria fitness, sezione gym.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: