mercoledì , 7 Dicembre 2022
Home / biochimica / endorfine

endorfine

sono per lo più (poli)peptidi che agiscono come neuro-trasmettitori nel sistema nervoso centrale.

Testut e Jacob, 1906 - emisfero cerebrale sin. superficiale

Dal 1975 sono definite “oppioidi endogeni” poiché prodotte dall’organismo, cervello ed altri siti a funzione ormonale, capaci di < la sensazione dolorosa (azione analgesica) e le sfumature depressive e di generare quindi sensazioni di euforia, felicità, ottimismo (azione stimolante) ed anche di relax.
Regolano l’attività di molte altre funzioni ormonali tipo ciclo mestruale, termoregolazione, sonno, dolore ed ancora esplicano attività pro-immunitaria sulla produzione di ACTH, GH, cortisolo.

Vengono prodotte da svariate situazioni stressanti o gradevoli, tipo dolore, sonno, fame, fame

allenamento, agopuntura, “coccole”, massaggi, ginnastica soft, yoga, esposizione al sole (insieme alla serotonina), elettro-stimolazione, studio, sentir musica e tanto altro e dovunque ci sia emozione e sentimento.

Tali molecole si legano a livello cerebrale agli stessi recettori della morfina con conseguente diluizione della sensazione dolorifica ed innalzamento della soglia del dolore. Altri effetti positivi si hanno nel controllo dell’appetito, dell’ansia, dell’autostima, del “pensare positivo” e della programmazione salutistica.

Controllate anche

oligoelementi

“L’organismo appare come una specie di oligarchia nella quale enormi masse di elementi passivi sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.