venerdì , 24 novembre 2017
Home / daddy per riflettere o sorridere / Parlare del “fumo” agli scolari di V° elementare

Parlare del “fumo” agli scolari di V° elementare

Logo A.R.A.B.A.
Associazione Regionale Antifumo Basilico Alessandrini
Ospedale “F. Renzetti” di Lanciano (Ch) U.O.C. di ONCOLOGIA, Centro Antifumo (L.R. 19/1998)
Ospedale “F. Renzetti” di Lanciano, U.O.C. di ONCOLOGIA, Centro Antifumo (L.R. 19/1998)

Un saluto affettuoso a tutto il Corpo Docente della Scuola ed ai bambini qui presenti.
Ci incontriamo per fare degli indovinelli utili per la nostra salute, adoperando come strumenti di lavoro il nostro CUORE ed il nostro CERVELLO.
1) A cosa serve il cuore?
2) A cosa serve il cervello?
3) E’ meglio essere sani o malati?
4) Da grande, io fumerò?

A cosa serve il cuore?
Il cuore è un organo che si trova in mezzo ai polmoni, nel torace.
E’ il formidabile motore che pompa il nostro sangue in tutto il corpo, ma da un generale e comune punto di vista, il cuore è considerato la sede dei sentimenti, belli e buoni come l’AMORE e brutti e negativi come la CATTIVERIA.

A cosa serve il cervello?
Il cervello è la sede di formazione dei nostri pensieri e delle nostre azioni, della percezione dei nostri 5 sensi, che sono:
l’olfatto, la vista, il gusto, l’udito e il tatto,
ma è anche la sede della RAGIONE, cioè della facoltà di decidere cosa fare e perché.

Pertanto alla domanda:
è meglio essere sani o malati  noi risponderemo con il cervello!
Ma se qualcuno ci chiede se vogliamo bene a … si pensa all’AMORE per una persona cara, ed allora noi tutti risponderemo con il cuore!

E ora rispondiamo insieme all’ultima domanda:
Da grande, fumerò?
Se parlo con il mio cuore, che vuole esprimere amore, allora non fumerò, perché mi voglio bene, ma voglio bene anche a chi mi sta vicino, non intossicandolo.
E con le buone maniere cercherò di convincere i miei cari e i miei amici a non fumare, sperando che mi vogliano ascoltare.

Se parlo senza cuore, faccio il comodo mio, perché di me e degli altri non mi interessa.

Se parlo con il mio cervello, perché
“ho la testa sulle spalle”, rispondo che io penso alla mia salute e alla mia forza, ai miei muscoli e alle mie corse. Non voglio denti gialli, alito cattivo che sa di portacenere, mani che puzzano, il fiatone e non voglio spendere 1.600 E in un anno per le sigarette!

Se parlo senza cervello non ascolto i buoni consigli perché sono giovane e forte, ammiro e imito quelli del mio gruppo, fichissimi; la vita è lunga e le malattie colpiranno altre persone, non me!
La tosse, l’affanno, il mal di cuore colpiscono i vecchi e i deboli: non è roba che mi riguarda.

E’ bene parlare in famiglia di questi problemi, con i nostri familiari ed amici, con i nostri Insegnanti, tutti, ed anche con il Medico di famiglia.

Adoperiamo le orecchie per sentire, il cuore per capire i consigli giusti ed il cervello per agire.

Concludo dicendo che purtroppo
FUMARE FA MALE soprattutto ai polmoni,
ovviamente,
ma anche a CUORE e CERVELLO!!!

Riflettiamo, pertanto.
Ed infine un trucchetto, un “barbatrucco” si diceva quasi 40 anni fa. E ve lo dirò all’orecchio, perché è un segreto, furbo, credo!
Buon Studio, buona Vita e buona Salute, ragazzi!
Stefano Graziani
ghirigori ddg

 

 

Controllate anche

La nascita del «RICOVERO APERTO», una storia lancianese

La modalità di “ricovero programmato” in vigore è ispirata all’idea del «RICOVERO APERTO» (D.H. o …