mercoledì , 5 Agosto 2020
Home / daddy per riflettere o sorridere / (con)fusioni di Luca Di Francescantonio

(con)fusioni di Luca Di Francescantonio

(con)fusioni_intercity

 

A Lanciano il graphic designer del mio blog,
Luca Di Francescantonio

organizza anche quest’anno, 2012,

un evento di Creativi che esporranno proprie opere “incompiute”

tra design, scultura, installazione, pittura, fotografia, musica e narrativa…

Dice Luca:
“sapete quanto io tenga a creare dialogo in Abruzzo tra le creatività e le genialità locali, aldilà delle generazioni.
Sapete anche che (Con)Fusioni è un progetto che sta crescendo man mano di anno in anno, proponendosi come evento di arte alternativa a Lanciano e come interessante situazione sperimentale in Abruzzo.

Per ora vi dico che quest’anno ho con me dei preziosi coordinatori-collaboratori che hanno dato più consistenza al concetto di incompiuto e di indefinito, temi a me cari, ma che avrò modo di spiegare più in là.

Voglio solo ricordare che per questo genere di manifestazione ho un mio approccio da “pubblicitario”, ovvero non cerco di creare una semplice collettiva, bensì di dare un feedback in più, provocando il pubblico con un fine.

La fotografia mossa e sfocata e le opere pittoriche, scultoree, di design, di musica e di narrativa “non finita” suscitano di per sé la curiosità e l’interesse delle persone che vogliono riscoprire la cosidetta “arte contemporanea”.

Vi aspetto il 18, 19 e 20 maggio 2012 nei locali dell’Auditorium Diocleziano di Piazza Plebiscito a Lanciano”.

 

“In bocca al lupo”, Luca, io ci sarò, come avvenuto negli scorsi anni. Ti seguo consapevole e tutt’altro che confuso in questo tuo originale progetto che condivido; non come partecipante, non ne ho gli strumenti, ma come follower interessato e convinto.

La curiosità muove il mondo creativo, sia con spirito scientifico che con sentimenti di amore, volontà e forza di conoscenza anche nell’intento di creare un’originale espressione artistica, come nel tuo caso, “non finita”, cioè, credo, non definita.

Sono sicuro che la tua proposta e quindi le realizzazioni che incentivi non siano rispondenti al termine “confusione”, ma favoriscano, secondo il significato etimologico, “l’unione di due o più stati (o elementi) in uno solo“, creando emozioni nuove, particolari.

Le fatiche degli altri, se comprese, sono una preziosissima risorsa economica temporale per l’ interessato.

Grazie e a presto, stefano ddg.

 

 

Controllate anche

Stefano a scuola

Parlare del fumo agli scolari di V° elementare. Secondo testo

Ad aprile del 2015 ho scritto un articolo relativo al mio intervento nell’ambito dell’attività dell’A.R.A.B.A., …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: