Articoli marcati con tag ‘melatonina e cortisolo’

melatonina

giovedì, 17 settembre 2009

ormone prodotto dalla ghiandola cerebrale pineale o epifisi, ma individuato anche nei nuclei sopra-chiasmatici dell’ipotalamo, conosciuto da molto tempo e presente in ogni forma organica  del mondo

daddy interpreta Monna Lisa, 1968

vegetale ed animale, mono- o pluricellulata (fonte: Hardeland R. et Coll. Melatonin. Int. J. Biochem. Cell Biol., 2006 March; 38(3): 313-316).
Questa molecola regola la cosiddetta “armonia ormonale”, funzione del preciso funzionamento dell’orologio biologico che coordina tutti i ritmi dell’essere, circadiani e stagionali, modulando l’attività tanti altri ormoni, termogenesi, risposta immunitaria, metabolismo
Regola il ritmo sonno-veglia, e non solo, in opposizione all’effetto di “veglia” del cortisolo, presenta un picco massimo nella prima infanzia ed in fase pre-puberale e quindi cala progressivamente con l’età: l’”orologio dell’invecchiamento”, ed è per questo che gli anziani dormono meno dei giovani (fonte: Brzezinskj A. et Coll. Sleep Med. Rev., 2005 Febr., 9(1): 41-50); provoca altresì < della temperatura del corpo, per dilatazione dei vasi periferici che provoca la perdita di calore, favorendo l’addormentamento (fonte: Cagnacci A. et Coll. Melatonin… Clin. Endocrinol. Metab. 1992; 75: 447-452).

Testut e Jacob, 1906 - emisfero cerebrale sin. superficiale

E’ un anti-ossidante per le cellule cerebrali, influenza il ritmo cardiaco ed ha

Testut e Jacob, 1906 - il cuore

un’azione antagonista del cortisolo, ormone dello stress, come suddetto.
Le fonti alimentari sono, con consiglio di consumo alla sera, l’avena cotta a bassa temperatura, il riso integrale, il mais, quindi le banane ed i pomodori (da considerare frutti). E’ presente nel latte materno.

L’assorbimento è favorito da una contemporanea assunzione di calcio. Il dosaggio medio equilibrato per un ristabilimento ormonale del sonno è di 3 mg tra le h. 01.00 e le h. 04.00 sublinguale, orario di massima produzione endogena, con calo all’alba: inibizione foto-indotta, così come di recente è stato osservato per chi lavora di sera, notte al computer: la luce dello schermo colpisce la retina che riduce la produzione di melatonina.

Edouard Manet - Bar aux Folies Bergère (part.)

La sua < è responsabile del fenomeno del jet-lag, dei turnisti, nello stress, da alcool, caffeina e fumo di sigaretta, nel periodo intorno alla menopausa, nella sindrome da apnea notturna o simili, da farmaci come alcuni anti-ipertensivi, anti-infiammatori, ansiolitici (benzodiazepine), nelle turbe dell’assunzione del cibo (comportamento alimentare) (fonte: Goel N. et Coll. Circadian rythm profiles in women with… J. Biol. Rythms, 2009, 24, 85). Questo ormone sembra verosimilmente implicato nel DAS o disturbo da adattamento stagionale (guarda la fonte dell’OHSU, se vuoi); già Ippocrate (Coo o Kos, isola dell’Egeo orientale, 460 a.C. – Larissa, Grecia centro-orientale 377(?)) aveva notato e descritto 2.400 anni fà un mutare del tono dell’umore nel cambiamento delle stagioni.